• 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Lo sport bellunese si allena per la pace

Lo sport bellunese si allena per la pace

Domenica 19 febbraio si svolgerà al Palazzetto Spes Arena di Belluno-Lambioi la manifestazione, giunta quest’anno alla sesta edizione, di «Sport per la Pace», evento che si propone lo scopo di condividere con i ragazzi i contenuti del messaggio della 50esima Giornata mondiale della pace attraverso un momento di festa, di sport, di riflessione. La manifestazione, il cui titolo è #vincilaviolenzacostruisci...

Read more

«La coppia si benedice»: gli Esercizi sp…

«La coppia si benedice»: gli Esercizi spirituali al Centro Papa Luciani

In cuore portiamo tutti il desiderio che si dica bene di noi: i figli dai genitori, il marito dalla moglie e viceversa, e tutti da parte di Dio. Desideriamo essere benedetti. Alle coppie e ai loro figli il Centro «Papa Luciani» offre un weekend per riscoprire il valore e la potenza della benedizione: dalla cena di venerdì 17 febbraio, al...

Read more

Dal Maghreb alle Dolomiti, cena multietn…

Dal Maghreb alle Dolomiti, cena multietnica per i terremotati

Il cammino di fraternità del Movimento dei Focolari e della Comunità musulmana di Belluno sta continuando: sabato 28 gennaio a Cavarzano con la Cena solidale a favore dei terremotati del Centro Italia ha riunito 160 persone delle due comunità. Fra gli altri c’erano anche persone di diverse nazionalità: dell’Iran, del Pakistan, dell’Afganistan, dell’India, dell’Ecuador, dell’Ucraina, dell’Algeria, del Marocco, del Brasile,...

Read more

1

E' pronto il sussidio per i «Giorni dello Spirito e di comunità» definito dal Consiglio pastorale diocesano, animatore della proposta, come «un'oasi di tempo in cui sperimentare di essere una "comunità" che si guarda in volto, si lascia abbellire dalla gioia del Vangelo (Evangelii gaudium), si aiuta a riprendere il cammino con fiducia, assume i tratti della misericordia». Dall'1 al 4 marzo di quest'anno, alla sera, le 158 parrocchie della diocesi si riuniscono in un momento di ascolto, di ascolto e ripresa di una testimonianza, di convivialità.

Clicca qui per scaricare il messaggio del Vescovo e una traccia per gli avvisi parrocchiali di domenica 19 febbraio.

Clicca qui per scaricare il testo del sussidio in .pdf

Clicca qui per scaricare il testo in .docx

Clicca qui per scaricare il testo in .odt

Clicca qui per scaricare il testo in .doc.

Clicca qui per scaricare l'immagine della «Vocazione di Matteo» del Caravaggio.

Sono a disposizione anche i filmati per avviare il momento di condivisione.

Per giovedì 2 marzo (il Papa al Convegno ecclesiale nazionale di Firenze) clicca qui.

Per venerdì 3 marzo (Roberto Benigni, commento ai dieci comandamenti) clicca qui.

Per sabato 4 marzo (il Vescovo Renato) clicca qui.

ViaCrucisGiovani2017 400

Tanti giovani della nostra diocesi in cammino su un’unica strada, quella della Croce, accompagnati dalla figura di un giovane senza nome che, secondo il racconto di Marco, rimase per ultimo in compagnia del maestro, in quella tremenda notte nel Getsemani, prima di fuggire via e lasciarlo partire verso il Calvario… È questo il progetto che accomuna molti gruppi giovani delle nostre parrocchie che, in questo periodo, stanno «intessendo» la loro via Crucis. Secondo un’idea del Vescovo e col supporto del Centro diocesano per la pastorale giovanile, l’attività, che si sviluppa in maniera capillare per tutto il corso della Quaresima, vuole accumunare gran parte dei gruppi giovanili presenti nel vasto territorio della nostra diocesi in una proposta che, senza inventare niente di nuovo - anzi sostenendo esperienze già con una certa tradizione - si distingue almeno per due motivi che la caratterizzano. Innanzitutto una proposta per mettere in contatto i nostri giovani con il Vangelo facendo loro toccare con mano gli ultimi giorni del Cristo che, per amore, percorre la strada verso la morte in croce. Nella semplicità di una condivisione che vuole nascere proprio dall’origine dal testo evangelico di Marco a ogni gruppo è richiesto un piccolo lavoro di preparazione e di confronto con la figura di un «Dio capovolto», dal volto così distante dalla logica del mondo, dai clichés mentali, da ogni rapporto do ut des che i nostri stessi giovani - magari più di quello che si pensa - ricercano mentre si pongono domande tanto più grandi quanto è il desiderio che li interpella. In secondo luogo un evento dal «profumo» sinodale. Pensato dai giovani e per i giovani, questo ciclo di Viae crucis è frutto infatti del lavoro di squadra degli animatori di singola zona della Diocesi interessata dall’evento. Un lavoro preparato certamente nella semplicità dei più o meno fugaci incontri serali ma impreziosito dalle espressioni delle singole potenzialità e finalizzato all’assumere la consapevolezza dell’importanza di momenti di scambio e di confronto, assaporando quel gusto, non certo scontato, del lavorare insieme. Chies, Tai di Cadore, Agordo, Zorzoi e la salita verso la chiesa di san Liberale sono i luoghi significativi scelti nei cinque venerdì di Quaresima a partire dal 10 marzo, in ognuno dei quali sarà presente anche il vescovo Renato. Non essendo per forza di cose tutte le foranie coinvolte nel loro territorio ogni gruppo di giovani potrà indirizzarsi verso l’appuntamento più comodo. Un invito lanciato nella semplicità e soprattutto nella libertà della risposta, con la speranza che in molti si mettano nei panni del giovane di cui san Marco ci narra che ha seguito Gesù fino all’ultimo, prima di fuggire, nudo delle sue apparenti sicurezze, ma ricco di un incontro che gli ha cambiato davvero la vita.

Clicca qui per scaricare la locandina.

 

Belluno vescovo Marangoni messa di ingresso 20Scarica il testo in .doc e in .pdf

Alle comunità parrocchiali della Chiesa di Belluno-Feltre,

in particolare ai presbiteri, ai Consigli pastorali,

a quanti sono chiamati a un servizio di progettazione e di animazione in parrocchia

 

In queste ultime settimane, a ridosso della stagione estiva, dopo il «passaggio di pastorale» dal vescovo Giuseppe - a cui va la nostra vivissima riconoscenza - e il nuovo vescovo Renato, il Consiglio pastorale diocesano, si è incontrato alzando lo sguardo sul cammino del prossimo anno pastorale 2016-2017. È stato così rinnovato l’impegno ad accompagnare la vita della comunità diocesana con l’attenzione a cogliere i passi futuri da condividere insieme. Ne è nato un testo di raccolta di alcune «cose necessarie» che tutte le comunità parrocchiali sono invitate ad accogliere, a fare proprie e a elaborare localmente. Nell’intento di favorire uno spirito di condivisione spirituale e pastorale sono stati elaborati quattro punti che consegniamo, dopo il dovuto discernimento fatto assieme al vescovo Renato e dopo aver consultato i responsabili degli Uffici diocesani di pastorale. Preme precisare che questi quattro punti nella forma di quattro domande non esauriscono la progettazione pastorale che dovrebbe avvenire sia a livello di parrocchie e sia, in via sussidiaria, a livello foraniale. La loro insistenza riguarda il clima da attivare e da condividere. Si tratta di una «intonazione» che auspichiamo diventi un terreno comune per le nostre parrocchie per «camminare insieme». Sono pensate a partire dagli orientamenti più generali della Chiesa italiana, delle consegne a essa di Papa Francesco e, soprattutto, sono in vista di ciò che matureremo nel cammino successivo dei prossimi anni, per primo il rinnovo degli organismi pastorali come espressione di una corresponsabilità e di una chiarificazione nell’azione pastorale. Cercheremo di sostenere e accompagnare, nel corso dell’anno, il cammino della nostra Chiesa con ulteriori strumenti che si rendessero necessari. Premettiamo al testo elaborato le parole che Papa Francesco ha rivolto ai delegati di tutte le Diocesi italiane nel Convegno nazionale tenuto a Firenze dal 9 al 13 novembre 2015.

 

 Raccogliamo e poniamo le nostre attese, le nostre fatiche, il nostro comune impegno «nella gioia del Vangelo». Il Signore Gesù, volto della misericordia del Padre, ci benedica!

 

1 luglio 2016

 

Il Consiglio pastorale diocesano - il Vescovo Renato

Leggi tutto: «Nella gioia del Vangelo». Gli Orientamenti pastorali per il 2016-2017

GOSALDO Veduta locSono pronti e a disposizione di chiunque visiterà in estate la diocesi di Belluno-Feltre i pieghevoli che riportano gli orari di tutte le celebrazioni eucaristiche festive e prefestive. Sono diffusi a cura dell’Ufficio diocesano per la pastorale del tempo libero, turismo e sport. Le due edizioni, una per l'Agordino, il Cadore, Cortina d'Ampezzo e Zoldo, la seconda per l'Alpago, il Nevegàl e il Feltrino, si aprono con il saluto del Vescovo Renato Marangoni, che invita a «uno sguardo verso l’Alto, per un sospiro di silenzio rivolto al Creatore, per il sussurro di una preghiera, per una fraternità condivisa nelle nostre celebrazioni in particolare nella Messa domenicale». Ancora il Vescovo sottolinea come «Siamo contenti di condividere il dono straordinario di queste montagne con quanti cercano momenti e spazi di ricarica fisica e interiore, con quanti sentono il bisogno di momenti di condivisione e di relazioni più serene e profonde. Il nostro saluto è anche il desiderio di un’amicizia che vorremmo condividere. Sentiamo che tutti voi che ci raggiungete e ci incontrate in queste nostre terre siete portatori di un dono. Il vostro tempo libero e le vostre attività di sport, di svago, di amicizia, di riposo si incontrano con il nostro impegno di ospitalità».

Sono riportati anche gli orari delle confessioni e l’invito a visitare il santuario del Nevegàl, la basilica-santuario dei santi Vittore e Corona (per il pieghevole della Valbelluna) e il Museo diocesano di arte sacra a Feltre.

Clicca qui per scaricare il pieghevole dedicato all'Agordino e al Cadore e qui per scaricare quello dedicato all'Alpago, al Nevegàl e al Feltrino.